Home

Lo statuto - Consiglio dei delegati

Indice
Lo statuto
Natura giuridica- sede - fini - comprensorio - perimetro
Organi del consorzio
Assemblea dei consorziati
Consiglio dei delegati
Comitato esecutivo
Presidente - vice Presidente
Direzione e personale
Disposizioni comuni
Collegio dei revisori dei conti
Amministrazione
Riparto della contribuenza
Riscossione della contribuenza
Servizio di cassa
Disposizioni finali e transitorie
Norme per la elezione del consiglio dei delegati
Tutte le pagine

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SEZIONE II

CONSIGLIO DEI DELEGATI

Art. 10

COMPOSIZIONE

Il Consiglio dei Delegati è composto da 15 Delegati di cui 12 elettivi e 3 di diritto nominati dal Consiglio Regionale.

Art. 11

MEMBRI - SOSTITUZIONE COMPOSIZIONE

Il delegato elettivo che per qualsiasi causa, anche se sopravvenuta, cessa dalla carica, è sostituito di diritto dal primo dei candidati non eletto della medesima lista e, in mancanza di candidati nella lista, con i criteri dell’art.61, comma 2.

L'atto di surroga va trasmesso alla Giunta Regionale tramite l'Assessorato all'Agricoltura.

I nuovi nominati rimangono in carica sino a quando vi sarebbero rimasti i sostituiti.

Alla sostituzione dei delegati di diritto provvede la Regione.

Art. 12

POTERI

Spetta al Consiglio:

a) l'elezione del Presidente, del Vicepresidente e dei membri del Comitato esecutivo, potendo e-sprimere ciascun consigliere un numero massimo di preferenze non superiore ai due terzi dei com-ponenti da eleggere;

b) l'adozione dello statuto, dei regolamenti per l'amministrazione del Consorzio, dei piani di orga-nizzazione degli uffici e per l'ordinamento del personale;

c) il bilancio di previsione con le relative variazioni ed il conto consuntivo;

d) i piani di bonifica e di classifica;

e) l'assunzione di mutui;

f) la determinazione e l'aggiornamento delle indennità, dei rimborsi spese e dei gettoni di presenza per i componenti del Comitato esecutivo nonché dei gettoni di presenza e i rimborsi spese per i componenti del Consiglio dei delegati e le indennità e i rimborsi spese dei Revisori e per coloro che rivestono particolari incarichi e nei limiti stabiliti dalla Regione;

g) gli indirizzi generali di gestione;

h) gli accordi di programma.

i) redigere, allo scadere del proprio mandato, una relazione tecnico-economica e finanziaria sull'at-tività svolta, da pub¬blicarsi nell'Albo pretorio dei Comuni ricadenti nel comprensorio consortile al-meno trenta giorni prima di quello fissato per la convocazione dell'Assemblea;

l) decidere sulle opposizioni proposte avverso le proprie deliberazioni;

m) pronunciarsi sugli argomenti sottoposti al suo esame dal Comitato Esecutivo.

Il Consiglio attribuisce il compito di Segretario degli Organi deliberanti, per un periodo di tempo non superiore alla durata in carica dei medesimi, ad un dipendente del Consorzio, con funzioni non inferiori a quelle direttive.

Art. 13

CONVOCAZIONE

Il Consiglio dei Delegati viene convocato dal Presidente, previa deliberazione del Comitato Esecu-tivo, non meno di 6 volte all'anno.- Deve, altresì, essere convocato quando ne sia fatta richiesta da almeno un quinto dei delegati, mediante lettera raccomandata, con l'indicazione degli argomenti da trattare o su richiesta del Collegio dei Revisori dei Conti ai sensi del successivo art. 38, terzultimo comma.

Le riunioni del Consiglio avranno luogo nella sede consorziale o in altra località scelta dal Comitato Esecutivo.

La convocazione deve essere fatta con lettera raccomandata spedita ai consiglieri almeno sette giorni prima di quello fissato per l'adunanza. Nell'avviso di convocazione debbono essere indicati il luogo, il giorno e l'ora della riunione, nonchè l'ordine del giorno.

In caso d'urgenza, la convocazione può essere fatta mediante telegramma od anche a mezzo telefax sino a tre giorni prima della data della riunione.

Almeno due giorni prima della riunione gli atti relativi agli argomenti posti all'ordine del giorno, sa-ranno depositati presso la segreteria del Consorzio, a disposizione dei delegati.

Il Presidente ha facoltà di aggiungere altri argomenti all'ordine del giorno, dandone comunicazione telegrafica ai delegati ventiquattro ore prima dell'adunanza. In questo caso, quando un terzo dei pre-senti lo richieda, ogni deliberazione sui nuovi argomenti dovrà essere differita al giorno successivo.

Art. 14

INSEDIAMENTO

A norma dell'art. 24 della L.R. n. 42/2005 il Consiglio dei Delegati è convocato, nei termini stabiliti dall’art. 22 della L.R. 42/2005, dal consigliere eletto più anziano di età. Nella sua prima riunione procederà alla verifica dei requisiti soggettivi per assumere la funzione di delegato del Consorzio e, quindi, alla convalida della elezione dei Consiglieri, e poi procederà alla elezione, con voto segreto e a maggioranza assoluta dei suoi componenti, del Presidente, del Vicepresidente e degli altri com-ponenti del Comitato esecutivo tra i membri eletti dall'Assemblea.